Ospitato dalla Città metropolitana il convegno dal titolo 'Intrecci pericolosi: bullismo, dipendenze, devianze giovanili

Data: 
19/11/2019 - 11:30
L'iniziativa è stata promossa promosso nell'ambito del "Protocollo d'intesa per la prevenzione ed il contrasto delle dipendenze giovanili, del bullismo e del cyberbullismo

L'Auditorium della Città Metropolitana di Venezia ha ospitato il convegno dal titolo "Intrecci pericolosi: bullismo, dipendenze, devianze giovanili", rivolto ai Dirigenti, ai docenti ed al personale scolastico del team bullismo e promosso nell'ambito del "Protocollo d'intesa per la prevenzione ed il contrasto delle dipendenze giovanili, del bullismo e del cyberbullismo, nonché per la diffusione della cultura della legalità e del rispetto di genere".

 
L'evento, che si è svolto alla presenza dei Vertici delle Forze di Polizia, ha visto una partecipata adesione da parte di Dirigenti scolastici, docenti e genitori ed è stato introdotto dai saluti istituzionali del Consigliere delegato metropolitano Saverio Centenaro, della Dr.ssa Mirella Nappa, Dirigente dell'Ufficio Scolastico Provinciale e del Prefetto, Dr. Vittorio Zappalorto. è stato introdotto dai saluti istituzionali del Consigliere delegato metropolitano Saverio Centenaro, della Dr.ssa Mirella Nappa, Dirigente dell'Ufficio Scolastico Provinciale e del Prefetto, Dr. Vittorio Zappalorto.  

 

Sono seguiti gli interventi della Dr.ssa Annalisa Lillini, Capo Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni, che ha illustrato il ruolo della Specialità della Polizia di Stato nella prevenzione e repressione dei fenomeni riconducibili al cyberbullismo, del Dr. Mansueto Crepaz, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni e della Dr.ssa Maristella Cerato, Sostituto Procuratore Generale, che hanno approfondito il tema dei minori in situazioni di pregiudizio, rispettivamente, sotto il profilo delle tutele e quello delle responsabilità. 

 

Il convegno è stato, inoltre, l'occasione per presentare competenze ed attività dell'Osservatorio scolastico regionale sul bullismo e cyberbullismo che svolge il ruolo di polo di raccordo e impulso delle azioni realizzate dai soggetti a vario titolo interessati al contrasto dei cennati fenomeni. 

Questo è stato il primo appuntamento di un più articolato percorso formativo che si svilupperà in successivi tre incontri, nei quali saranno approfonditi i temi trattati nel corso del convegno. 

In particolare, la Polizia Postale e delle Comunicazioni si è soffermata sui rischi dell'utilizzo delle rete internet e dei social da parte degli adolescenti e, con un approccio molto pratico, ha fornito indicazioni sul ruolo del referente scolastico per il contrasto al cyberbullismo. 

 

Il tema trattato ha riguardato l’ambito specifico intervento della Direzione Servizi educativi della Città di Venezia, che ha fornito ai docenti interessati, conoscenze e competenze sui metodi e strumenti volti a favorire la crescita educativa dei giovani coinvolti in situazioni di cyberbullismo. 
Infine, a cura del Sostituto Procuratore Generale, Dr.ssa Cerato, ha affrontato il delicato tema delle relazioni scuola-famiglia, con un approfondimento dei profili di responsabilità e tutela rispetto ai casi di minori in situazioni di pregiudizio.

Tutte le Notizie