Tu sei qui

Ufficio comune Metropolitano Emergenza Ucraina e portale informatico emergenza ucraina

La Città Metropolitana di Venezia in collaborazione con il Comune di Venezia ha costituito l’Ufficio comune Metropolitano Emergenza Ucraina - UcMEU (la presentazione dell’iniziativa al seguente link) allo scopo di coordinare le attività connesse all’emergenza Ucraina e di fornire supporto ai 44 Comuni del territorio metropolitano, in linea con le indicazioni regionali relative al sistema di raccolta dei dati, in sede di accesso, da parte delle Province del Veneto e della Città Metropolitana di Venezia.

 

Il cuore del sistema è il Portale informatico emergenza Ucraina predisposto dalla Società in-house Venis s.p.a., compartecipata da Città metropolitana e Comune di Venezia.

I profughi/rifugiati ucraini, per il tramite dei referenti delle famiglie ospitanti o delle strutture che li ospitano che abbiano già presentato all’Autorità di Polizia competente le necessarie comunicazioni, potranno registrarsi al portale al fine di accedere ai servizi apprestati dalle Amministrazioni locali in loro favore.

 

In questa Sezione, in costante aggiornamento, vengono fornite le informazioni necessarie relative alle attività dell’UcMEU e al Portale informatico, nonché altre informazioni utili con riferimento all’emergenza Ucraina.

 

°°°°°

 

INFORMAZIONI RELATIVE AL PORTALE INFORMATICO EMERGENZA UCRAINA

 

Hanno accesso al Portale le famiglie/soggetti ospitanti nonché i rappresentanti legali delle altre strutture ospitanti, per l’inserimento dei dati relativi ai soggetti da loro ospitati.

 

L’accesso al Portale informatico emergenza Ucraina avviene al seguente link:

http://emergenzaucraina.venis.it

 

L’accesso avviene tramite SPID o tramite registrazione allegando un documento di identità dell’ospitante.

Entrati nel Portale, si procederà alla compilazione dei campi richiesti e all’invio della richiesta di registrazione.

 

È prevista, altresì, un’assistenza telefonica alla compilazione, nei giorni martedì e giovedì, dalle ore 9.00 alle ore 17.00, contattando il numero unico Dime 041.041.

 

Il sistema prevede una fase di verifica dei dati a cura dell’UcMEU per la loro validazione. In allegato un breve vademecum riportante alcuni suggerimenti per la verifica di alloggi e  ospitanti.

 

In caso di verifica positiva, al compilatore sarà inviata dal sistema una email di conferma con in allegato le Regole di buona convivenza (reperibili sia in italiano che in lingua ucraina) e il qr code necessario per accedere ai servizi previsti dalla Città Metropolitana e dalle singole Amministrazioni locali.

 

In caso di compilazione incompleta o formalmente carente, il compilatore potrà essere contattato telefonicamente dal referente dell’Ufficio e riceverà una email con richiesta di integrazioni e/o rettifiche.

 

°°°°°

 

Per chi, invece, volesse dichiarare la propria disponibilità ad ospitare profughi/rifugiati ucraini presso il proprio alloggio, è possibile accedere al seguente link: https://cittametropolitana.ve.it/offerta-di-ospitalita-la-popolazione-ucraina-fuga-dalla-guerra.html

 

Si procederà alla compilazione dei campi richiesti e all’invio dell’offerta di disponibilità.

 

°°°°°

 

SERVIZI METROPOLITANI IN FAVORE DEI PROFUGHI/RIFUGIATI UCRAINI REGISTRATI NEL PORTALE INFORMATICO EMERGENZA UCRAINA

 

I profughi/rifugiati ucraini registrati nel Portale possono usufruire gratuitamente dei servizi di trasporto pubblico di linea entro l’ambito metropolitano di Venezia, rivolgendosi presso le Agenzie Venezia Unica.

 

Elenco Agenzie Venezia Unica abilitate all’emissione della Tessera Venezia Unica:

  • Venezia - Tronchetto Agenzia | ore 08:30-14:30

  • Venezia - P.le Roma Agenzia | ore 06:30-19:30

  • Venezia - Rialto (linea 1 e linea 2) | ore 08:00-18:00

  • Lido di Venezia - P.le Santa Maria Elisabetta | ore 07:00-20:00

  • Mestre Centro - P.le Cialdini/Via Lazzari 32 | ore 08:30-18:30

  • Chioggia Sottomarina - Viale Europa 2/c | ore 07:00-19:30

  • Dolo - Via Matteotti 15/h | ore 11:00-16:30

  • Mirano - Via Cavin di Sala (dal 25 al 05 del mese successivo - domeniche escluse) | ore 07:00-13:00

  • Cavallino Treporti - P.ta Sabbioni (consigliato lunedì-venerdì) | ore 09:00-13:00

 

°°°°°

 

ALTRE INFORMAZIONI RELATIVE ALL’EMERGENZA UCRAINA

 

A) COSA FARE SE SI OSPITANO PROFUGHI/RIFUGIATI UCRAINI IN CASA?

 

Qualora la persona sia ospitata presso una famiglia, l’ospitante entro 48 ore deve presentare personalmente o inviare con pec o con email o a mezzo posta raccomandata A/R al Commissariato di Polizia di zona (https://questure.poliziadistato.it/servizio/dovesiamo) una Dichiarazione di ospitalità indicante le proprie generalità, l’indirizzo della casa, le generalità delle persone ospitate e copia dei relativi documenti (modulo: https://www.poliziadistato.it/statics/18/modulo-art7.pdf).

 

Con riferimento alla regolarizzazione da parte dei profughi/rifugiati ucraini della propria posizione sul territorio italiano si veda la nota del Ministero dell’Interno e del Dipartimento della Protezione civile, predisposta sulla base dell’Ordinanza CDPC n. 873/2022, reperibile al seguente link https://www.poliziadistato.it/articolo/386227a1a62155d822008675

 

In particolare:

- In quanto cittadino ucraino in possesso di passaporto biometrico la persona è esentata dal visto d’ingresso e può permanere sul territorio italiano fino ad un massimo di 90 giorni dal momento dell’ingresso nell’area Schengen.

- Se la persona proviene da un Paese dell’area Schengen, come per esempio la Slovenia, le autorità di quel Paese hanno già apposto sul suo passaporto il timbro di ingresso dalla cui data si devono iniziare a contare i 90 giorni.

- Se invece il passaporto non è stato timbrato la persona deve recarsi presso la Questura-Ufficio Immigrazione della città in cui si trova e sottoscrivere la dichiarazione di presenza.

- Se la persona decide di rimanere in Italia oltre i 90 giorni - ovvero anche prima della scadenza dei 90 giorni, qualora lo intendesse - deve presentarsi presso la Questura-Ufficio Immigrazione della città in cui si trova, ove riceverà tutte le informazioni necessarie sulle possibilità di permanenza regolare sul territorio italiano (si veda sul punto la sezione “EMERGENZA UCRAINA – MISURE DI PROTEZIONE TEMPORANEA” sul sito https://questure.poliziadistato.it/it/Venezia).

 

B. FOCUS: PERMESSO DI SOGGIORNO PER PROTEZIONE TEMPORANEA

B.1 RICHIESTA DI PROTEZIONE TEMPORANEA
Lo straniero, che ha diritto alla protezione temporanea, che intenda richiedere il permesso di soggiorno per protezione temporanea dovrà presentare i seguenti documenti:

  1. passaporto in corso di validità o con validità prorogata di 5 anni dalla data di scadenza, secondo la disposizione del Governo Ucraino (n.170 del 28 febbraio 2022), in alternativa un lasciapassare rilasciato dalle Autorità Consolari Ucraine in Italia;
  2. certificati di stato famiglia o di nascita ecc. rilasciati dalle Autorità Ucraine, (con traduzione se ciò risulta possibile), che comprovino status e rapporti di parentela, soprattutto in caso di richieste per soggetti minorenni; se non in possesso rivolgersi al Consolato Generale d'Ucraina a Milano;
  3. dichiarazione di ospitalità in Italia, presentata presso i Commissariati Sezionali o Distaccati della Provincia di Venezia o presso i Comuni, ove non vi sia il Commissariato;
  4. nr. 4 Fototessere.

Non sono dovute l’imposta di bollo e il contributo per tale tipologia di soggiorno.

Al momento della presentazione, se l’istanza risulta completa verrà rilasciata una ricevuta, nelle more della stampa del titolo di soggiorno, corredata da foto e codice fiscale.

Per ogni altra informazione:
https://questure.poliziadistato.it/it/Venezia/articolo/214962276c8e9b0a4697292446

 

B.2 DOVE RECARSI?
Al Commissariato di Polizia di zona: https://questure.poliziadistato.it/servizio/dovesiamo

 

B.3 COSA È POSSIBILE OTTENERE CON IL PERMESSO DI SOGGIORNO PER PROTEZIONE TEMPORANEA?

- Una volta ottenuto il permesso temporaneo è possibile chiedere l’iscrizione al centro per l’impiego.

- È possibile sottoscrivere un contratto di lavoro subordinato o svolgere lavoro autonomo.

- E’ garantita l’assistenza sanitaria.

- I minori hanno il diritto di accedere alla scuola.

- È possibile ottenere, possedendo i relativi requisiti, il contributo di sostentamento accedendo alla Piattaforma attivata dal Dipartimento della Protezione al seguente link: https://contributo-emergenzaucraina.protezionecivile.gov.it/#/

- È possibile, inoltre, accedere alle altre eventuali iniziative previste dai Comuni della Città Metropolitana di Venezia in favore dei titolari di permesso di soggiorno per protezione temporanea.

 

 

C) QUALI SONO LE NORME SANITARIE PER I PROFUGHI/RIFUGIATI UCRAINI ARRIVATI IN ITALIA?

 

A seconda dell’AULSS di riferimento, si dovrà tener conto di quanto indicato:

- per l’AULSS 3, al seguente link:

https://www.aulss3.veneto.it/Informazioni-per-le-persone-provenienti-dallUcraina

- per l’AULSS 4, al seguente link:

https://emergenzacovid.aulss4.veneto.it/emergenza-ucraina

 

In conformità a quanto previsto dal D.L. 24 marzo 2022, n. 24, a partire dal 1 aprile 2022 non è più necessario il possesso di certificazione verde COVID-19 per accedere agli Uffici pubblici, alle strutture ricettive e ai mezzi di trasporto pubblico locale.

 

 

D) ACCESSO AL MERCATO DEL LAVORO DEI PROFUGHI/RIFUGIATI UCRAINI ARRIVATI IN ITALIA

 

È possibile consultare l’apposito vademecum relativo all’iniziativa a cura di Veneto Lavoro “IncontraLavoro Emergenza Ucraina”.

 

 

E) RICHIESTA CONTRIBUTO DIPARTIMENTO PROTEZIONE CIVILE SOSTENTAMENTO PROFUGHI/RIFUGIATI UCRAINI

E' possibile accedere alla Piattaforma attivata dal Dipartimento della Protezione civile per accedere al contributo di sostentamento dei profughi/rifugiati ucraini al seguente link:  https://contributo-emergenzaucraina.protezionecivile.gov.it/#/

 

°°°°°

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO IN MERITO ALL’EMERGENZA UCRAINA

 

La normativa nazionale e regionale aggiornata è consultabile al seguente link: https://www.regione.veneto.it/web/gestioni-commissariali-e-post-emergenze/emergenza-ucraina

 

°°°°°

 

ULTERIORI INFORMAZIONI

 

Per ogni ulteriore informazione è possibile rivolgersi al numero unico Dime 041.041 e/o scrivere all’indirizzo e-mail emergenza.ucraina@cittametropolitana.ve.it.

 

 

 

Data creazione pagina: 07/04/2022

Aggiornamento e verifca dati al: 16/06/2022

Tipo ufficio-servizio: 
servizio